Gruppo storico della MariSTaeli Catania, da sempre costituisce il perno addestrativo di Forza Armata per quanto riguarda la specialità ASW (Anti Submarine Warfare — Lotta Antisommergibile). 
Il 2° Gruppo Elicotteri viene costituito il 15 aprile del 1964 sulla Stazione Elicotteri di Catania, e sin dal primo giorno dalla costituzione il Reparto ha assunto come compito principale l’addestramento degli equipaggi di volo e del personale tecnico-specialista della Forza Armata, mentre come compito aggiuntivo deve fornire il servizio tecnico e logistico agli elicotteri che vengono imbarcati sulle navi della Squadra Navale presente nel porto di Augusta. 
Pochi mesi dopo, siamo nel mese di luglio, al Reparto viene assegnato il primo elicottero AB 204AS, dove AS sta per Antisom, da questo momento si comincia a sviluppare una forte vocazione nel ruolo più consono ad una Forza Aeronavale, cioè la capacità di svolgere una lotta antisommergibile con mezzi adeguati.  
Purtroppo questi momenti di entusiasmo vengono presto spazzati via dal funesto evento accaduto il 31 ottobre del 1964, avendo già scritto un breve testo nella sezione storica della MariSTaeli non mi sembra il caso di ripetermi. Dal 1964 e ininterrottamente fino alla fine del 1981 il 2° Gruppo Elicotteri svolge appieno il suo ruolo di Reparto di Conversione Operativa per la linea AB 204AS. Situazione che rimane pressoché invariata con l’arrivo del primo AB 212ASW, versione bimotore ed evoluta rispetto ai predecessori AB 204 e AB 205, il primo “Twin Huey” viene consegnato al Reparto il 15 dicembre del 1981. Una decisa inversione di tendenza avviene invece nel 2001 quando, con la costituzione del Comando delle Forze Aeree oltre ai compiti addestrativi, il Reparto viene chiamato a svolgere le attività esercitative e operative al pari degli altri Gruppi, ovviamente questo permette al personale navigante di non perdere “terreno” rispetto ai colleghi, e nello stesso tempo mantiene quella peculiarità propria di Reparto Scuola.
Le esercitazioni e le operazioni a cui partecipa il 2° Gruppo Elicotteri sono molteplici, vado ad elencare le più rappresentative: la Constant Vigilance e la Frontex per il controllo dei flussi migratori, l’Enduring Freedom in Medio Oriente, l’Active Endeavour nel Mediterraneo per il controllo dei traffici illeciti nel canale di Sicilia, la Leonte-UNIFIL-MTF in Libano, la EUNAVFOR Atalanta vicino al Corno d’Africa come missione Antipirateria, l’International Security and Assistance Force in Afghanistan, l’Oasis multinazionale con la Tunisia, la Loyal Midas e la Mare Aperto-Amphex in ambito nazionale, per finire la Archimede per la lotta all’inquinamento, tutte queste missioni si sono svolte con la partecipazione degli elicotteri e degli uomini del 2° Gruppo a bordo delle navi della Squadra Navale. 
Con le missioni operative e l’attività esercitativa non si esaurisce però il compito del Gruppo, perché oltre a tutto quello già menzionato, il Reparto concorre con i “cugini” del 3° Gruppo Elicotteri al supporto delle popolazioni civili, effettuando interventi di “Ricerca e Soccorso” per naufraghi e di dispersi, in particolar modo sul Vulcano Etna. Un’altro impegno molto gravoso specialmente nei mesi estivi, è quello svolto in collaborazione con la Protezione Civile per contrastare gli incendi che flagellano il territorio della Sicilia spingendosi anche in quello della Calabria. E non si può dimenticare l’impegno profuso per le grosse emergenze nazionali come l’alluvione che ha colpito Messina e il terribile terremoto dell’Aquila, giusto per elencare le ultime in ordine di tempo. 
Attualmente il Reparto può disporre di 28 Ufficiali (26 piloti e due tecnici), mentre nel ruolo Sottoufficiali ci sono a disposizione 89 militari, suddivisi tra 17 Operatori di Volo, 67 specialisti e cinque in altre mansioni. Inoltre mi sembra interessante far notare come la Base di Catania sia in una posizione particolarmente favorevole per il controllo del Mar Mediterraneo, gli AB 212 del 2° Gruppo Elicotteri in configurazione di pattugliamento, con necessità di ritornare alla propria base, possono coprire un raggio d’azione di 275 Km, inglobando così tutta la Calabria e ovviamente la Sicilia, spingendosi fino sull’isola di Lampedusa e sull’isola di Malta. In configurazione come volo di trasferimento “one way” percorrendo 550 Km il raggio di azione è tale che gli AB 212 possono raggiungere la Capitale Roma, Cagliari e tutte le coste di Tunisia, Libia, Grecia e Albania coprendo così tutto il Mediterraneo meridionale.  
Non rimane che dare un breve cenno riguardo il futuro ormai prossimo, che si chiama Agusta/Eurocopter NH 90, ormai gli AB 212 nonostante svolgano il loro compito in modo egregio, cominciano a soffrire di “vecchiaia”, la loro sostituzione è ormai questione di pochi mesi, anche se bisogna fare i conti con il ritardo accumulato dal programma per il nuovo elicottero.
’attuale Comandante del 2° Gruppo Elicotteri è il Capitano di Fregata Paolo Florentino, nato a Napoli il 14 ottobre del 1968, il suo ingresso nel “mondo” militare avviene con la frequentazione degli anni accademici dal 1987 al 1991 presso l’Accademia Navale di Livorno. Conseguita la Laurea viene inviato presso le Scuole di Volo della Marina americana dove ottiene il Brevetto di Pilota Militare di aereo e di elicottero.  
Nel 1994 una volta conseguito il Brevetto viene assegnato al 2° Gruppo Elicotteri dove acquisisce l’abilitazione sull’AB 212ASW. Dal 1995 al 2000 Florentino è stato imbarcato su varie unità della Squadra Navale, fino al 1997 come Addetto Componente Aer, poi come Capo Componente Aer di bordo. Inoltre sempre durante il medesimo periodo ha conseguito la Caratteristica “B” per le operazioni di appontaggio e decollo dalle Unità Navali e la qualifica di pilota “Combat Ready” sempre sull’elicottero AB 212. Previa frequentazione della Scuola di Comando Navale e del Corso Normale di Stato Maggiore (Livorno) Florentino assume il Comando della Nave Tirso per il periodo da luglio del 2000 fino all’agosto dell’anno successivo. Dopo questa breve esperienza viene inviato presso il 3° Gruppo Elicotteri a Catania, dove vi rimane fino all’ottobre del 2007, ovviamente essendo un Reparto dotato di SH 3D Sea King, è stato necessario effettuare il passaggio macchina e conseguire la relativa “Combat Readnisses”. Durante al sua permanenza alla MariSTaeli ha ricoperto l’incarico di Capo Servizio Operazioni e Addestramento di Gruppo, e di Vice Comandante sempre del Gruppo di Volo. Pur rimanendo in carico al Grupelicot Due, Florentino  è stato “distaccato” per sette mesi (settembre 2004-marzo 2005) in Bahrain presso il Comando della Marina americana, dove ha ricoperto l’incarico di “Italian National Liason Officer” per esigenze connesse alle Operazioni Enduring Freedom e Iraqi Freedom, mentre un altro momentaneo “distacco” si è verificato nell’autunno del 2006 con la partecipazione all’Operazione Leonte, missione svolta a bordo della Portaeromobili Garibaldi in navigazione presso le coste libanesi. 
Terminato il periodo di assegnazione in Sicilia Florentino viene trasferito presso il Comando delle Forze Aeree della Marina Militare a Roma, dove gli viene assegnato il ruolo di Capo Ufficio Elicotteri specialità ASW/ASuW, l’incarico nella capitale termina nel giugno del 2009, e il successivo giorno 19 dello stesso mese con il ritorno a Catania gli viene assegnato il ruolo di Comandante del 2° Gruppo Elicotteri. 
Florentino nella sua lunga carriera ha conseguito la laurea in Scienze Marittime e Navali presso l’Università di Pisa e la laurea in Scienze Politiche presso l’Università di Trieste. Inoltre per le molteplici attività svolte prestate durante il servizio è stato insignito delle seguenti onorificenze: 
-Medaglia militare aeronautica di lunga navigazione aerea (argento 15 anni); 
-Croce d’oro per anzianità di servizio militare (25 anni); 
-Medaglia NATO per le operazioni relative all’Ex-Jugoslavia (Operazione Sharp Guard); 
-Croce Commemorativa per la missione militare di pace relativa alla crisi nella Ex Jugoslavia; 
-Croce Commemorativa per attività di soccorso internazionale in Albania; 
-Croce Commemorativa per le operazioni a favore della pacificazione dell’Afghanistan (Operazione Enduring Freedom); 
-Croce Commemorativa per la missione militare di pace in Libano (Operazione Leonte); 
-Attestato di pubblica benemerenza PROCIV (Eruzione vulcano Stromboli del dicembre 2002).