iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
Cyprus Air Force
Lakatamia Air Force Base “449 Myra 2nd Lieutenant N.Loizoy” 
La Base Aerea di Lakatamia si trova a circa 10 km dal centro di Lefkosia, quartiere da cui prende il nome ed oltre ad essere la base storica della Cyprus AF è anche la sede del comando della Forza Aerea. Difficilmente riconoscibile dall’esterno, questa piccola base si integra molto con la zona edificata dei dintorni, non ha il classico aspetto che a colpo d’occhio caratterizza le strutture militari. 
Le attività di questa giovane forza aerea esordiscono nel 1985 sulla base con un Piper Colt ed un Islander, la denominazione dell’epoca era M.E/ -A/O, tradotto in “Squadron elicotteri ed aerei”. Inizialmente le sole attività del Gruppo di Volo sono: ricerca e sorveglianza, il trasporto sanitario ed il controllo degli incendi e dell’inquinamento marino, i velivoli operano con marche civili perché ancora non si è sviluppata la consueta natura militare della Forza Aerea. Svolta che avviene invece nel triennio seguente a partire dal 1987 con l’arrivo in sequenza di tre Bell 206L Ranger III, quattro Gazelle SA 342L1 e due Pilatus PC 9. 
Da questo momento viene anche adottata una livrea mimetica e le insegne di nazionalità con la bandiera nazionale e la classica roundel che ricalca perfettamente quella della Grecia, paese con il quale c’è un forte legame non solo militare. 
Ovviamente l’acquisizione di nuovi aeroplani ed elicotteri cambia anche le tipologie delle operazioni, i Bell 206 sono usati per la ricerca ed il soccorso, il trasporto Vip e per l’addestramento; attualmente gli elicotteri di questo tipo in servizio sono rimasti solo due perché un esemplare è andato perso nell’unico ma gravissimo incidente della storia della Forza Aerea, dove tutti gli occupanti hanno perso la vita, tra i quali c’era proprio il Comandante in Capo della Cyprus AF. 
I quattro Gazelle in servizio sono del tipo armato con il missile anticarro Hot e quindi naturalmente si occupano di eventuali operazioni contro i mezzi corazzati. 
Nel 2001 in seno ad una riorganizzazione lo Squadron riceve l’attuale denominazione e vede la cessione dei velivoli ad ala fissa al neo costituito 450 Myra.
Paphos Air Force Base “450 Myra Andrea Papandreou/ 55 Fight Sq.” 
Nell’ottobre 2001 è costituito un nuovo Squadron. La Base Aerea che lo ospita è sede anche dell’omonimo aeroporto civile, in un complesso certamente all’avanguardia con strutture tipiche delle più rinomate e moderne forze aeree, come shelter, ampi hangar per la manutenzione ed il ricovero dei velivoli, palazzine moderne ed ampi piazzali, enorme è la differenza dalla più “familiare” Lakatamia. 
Nel mese di Giugno dello stesso anno sono consegnati i primi quattro elicotteri di costruzione sovietica Mil Mi 35P, prima serie di dodici esemplari, essi formeranno la struttura portante del neo costituito 450 Myra, i restanti velivoli del Gruppo sono i due Pc 9 ed un Islander ceduti dal 449 Myra. 
I dodici Mil Mi 35P sono la versione più recente del possente elicottero sovietico, dotato di tutte le più sofisticate apparecchiature tecnologiche i cui compiti principali sono: 
-nella versione da combattimento sono utilizzabili i due cannoni da 30mm fissi sul lato destro della carlinga, missili anticarro 9M120 “Ataka” da 130mm, Pod B8V20-A dotati di razzi rocket C8-KO da 80 mm ed infine due Gun Pod UPK-23-250 da 3.400 colpi al minuto installabili esternamente sui piloni. Per l’autoprotezione sono installati dei riduttori di temperatura sugli scarichi delle turbine, un avvisatore L-006LM per l’eventuale illuminazione da parte di un radar, una protezione L166V1AE IR per i missili spalleggiabili a guida IR, dispenser di chaff and flare ASO-2V per interferire su missili a guida infrarossi. Nel ruolo di trasporto l’elicottero può portare otto soldati completamente equipaggiati, oppure 1.500g di materiali ospitati nel vano cargo, oppure 2.400kg di carichi sui piloni esterni; nella versione ambulanza sono trasportabili quattro feriti due barellati e due seduti più un medico. 
I due Pc 9 sono utilizzati per l’addestramento e per il traino bersagli mentre l’Islander che è l’unico velivolo ad avere ancora le marche civili è usato per il trasporto e per la ricognizione.
Cipro è situata nella parte nord-orientale del Mar Mediterraneo, 33 gradi a Est di Greenwich e a 35 gradi di latitudine a nord l'equatore, ha una superficie di 9,251 chilometri quadrati, di cui 1,733 sono di boschi. L'attuale popolazione di Cipro conta 755,000 persone delle quali 643,000 sono greco-ciprioti, 88,000 sono turco-ciprioti e 24,000 sono stranieri residenti a Cipro. La capitale dell'isola è Nicosia (Lefkosia) con una popolazione di 198,000 persone che risiedono nel settore controllato dal governo della Repubblica di Cipro. Essa si trova nel centro dell'isola ed è la sede del governo ed è il principale centro d'affari. Nel 1974 avviene l’invasione turca dell’isola, i quali ne occupano il 35% ed inoltre tagliano letteralmente la capitale a metà. Dopo la caduta del muro di Berlino, Nicosia è l'unica capitale divisa militarmente in Europa. La seconda città più grande è Limassol nel sud con i suoi 158,000 abitanti. Larnaca, situata nel sud-est dell'isola, ha una popolazione di 70,000 abitanti ed è la seconda città per importanza commerciale e inoltre è un importante località turistica. A nord della città si trova la più importante raffineria di petrolio, mentre a sud si trova l’Aeroporto Internazionale, principale porta di ingresso del paese.  
Infine, Paphos nel sud-ovest con una popolazione che si avvicina ai 40,000 abitanti si sviluppa molto velocemente nel settore turistico, qui si trova il secondo Aeroporto Internazionale della Nazione. Nella zona occupata dai turchi, si trova la città di Famagosta, il centro di eccellenza pre-1974 per il turismo, ora ormai è una città fantasma, abbandonata appunto dal 1974, quando i suoi abitanti sono fuggiti con l’avanzare delle truppe turche. Il comune di Kyrenia è un altra importante località turistica sulla costa settentrionale, mentre Morphou è situata nell’importante zona agricola di Messaoria occidentale, ora abitata quasi esclusivamente da turco-ciprioti e coloni turchi, stessa sorte dei greci-ciprioti che sono stati costretti nel 1974 ad abbandonare le loro case e spostarsi a sud sotto la minaccia delle armi di occupazione turca.
L'autore desidera ringraziare i membri del 449 Myra Mag. Pattichis G., Ten. Athinodorou P., Ten Mouskoundis K. e del 450 Myra Mag Milikouris L., Mag Florides M., Ten. Papasozomenos A. 
Testo e foto di Giorgio Ciarini e Manuela Michelon 
Agosto 2004 
Pubblicato su JP4 Agosto 2005 
iper://Portfolio_military.aeh|0