iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
Italian Call 2011
italian call 2011 1 italian call 2011 2 italian call 2011 3 italian call 2011 4 italian call 2011 5 italian call 2011 6 italian call 2011 7 italian call 2011 8 italian call 2011 9 italian call 2011 10 italian call 2011 11 italian call 2011 12 italian call 2011 13 italian call 2011 14 italian call 2011 15 italian call 2011 16 italian call 2011 17 italian call 2011 18
italian call 2011 19
italian call 2011 20
italian call 2011 21
italian call 2011 22
italian call 2011 23
italian call 2011 24
italian call 2011 25
italian call 2011 26
Viterbo riferimento operativo per gli elicotteri europei 
“Italian Call 11” ha sviluppato una serie di attività tecnico tattiche che hanno messo in evidenza e sottolineato le professionalità necessarie all’impiego operativo in ambienti con caratteristiche peculiari (alta quota, alte temperature e sabbiosi). 
Gli equipaggi hanno condotto l’esercitazione integrando le proprie capacità operative con assetti specialistici; in particolare, sono state pianificate e condotte missioni Joint di sgombero sanitario, trasporto truppe, attività a fuoco a contatto con le truppe, operazioni speciali e di logistica di aderenza. 
Il tutto è culminato nell’evento “United Flags” cui partecipava il Generale Sowa, che sottolineava la ferma intenzione dell’Unione Europea di migliorare l’integrazione, affinandone le capacità operative, della componente elicotteri dei Paesi membri nella condotta di operazioni in contesto internazionale. 
Impiegati in questa attività multinazionale 32 elicotteri di varie tipologie (fra cui quelli da esplorazione e scorta A 129 Mangusta, multiruolo AB 212, trasporto tattico NH 90, trasporto CH 47 e CH 53), più di 350 unità fra equipaggi e staff, veicoli tattici “Lince”, mortai pesanti da 120 mm.  
Viterbo ha evidenziato la sua potenzialità quale polo di eccellenza per l’addestramento all’impiego degli elicotteri in operazioni fuori area consentendo agli equipaggi di familiarizzare con scenari emulanti il territorio afghano sul simulatore di missione  A129. 
“Italian Call 11” ha comportato lo svolgimento di più di 600 ore di volo, con una media di 50 missioni giornaliere con un consumo di circa 450.000 litri di combustibile avio e quasi 20.000 litri di carburante per autotrazione.
Gli autori desiderano ringraziare il Col. Massimo Meola, il Ten. Col. Giovanni Ramunno ed il M.llo Gabriele Rigon 
Foto di Raffaele Fusilli, Guglielmo Guglielmi, M.llo Gabriele Rigon e Luigi Sani 
Testo di Raffaele Fusilli 
Prodotto da Giorgio Ciarini 
Giugno 2011 
iper://Contributors.aeh|0