iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
100th Anniversary German Naval A
100 anni dell’Aviazione della Marina tedesca — Nordholz — 17 agosto 2013 
Il 17 agosto l’Aviazione della Marina tedesca (Marineflieger) ha organizzato una giornata dedicata agli spotters a Nordholz. Il motivo di questo evento è stato il 100° Anniversario del Servizio Aereo dell’Aviazione Navale tedesco. Naviation ha deciso di partecipare all’evento per testimoniare lo stato attuale della Marineflieger. L’articolo che segue descrive un pò la storia della Marineflieger dal 1913 ai giorni nostri. 
La Marina tedesca istituì la Marineflieger nel 1913 poco prima dello scoppio della Prima Guerra Mondiale. Nei primi anni il servizio di aviazione della marina faceva parte della Kaiserliche Marine ed era chiamata Seeflieger. Nel corso della Prima Guerra Mondiale la Seeflieger ebbe un ruolo importante. Perciò il numero degli aerei in dotazione fu aumentato dalle 30 unità del 1914 alle oltre 2000 del 1918. Dopo la fine del conflitto nel 1918 questo numero diminuì rapidamente. Quando la Germania firmò il Trattato di Pace di Versailles nel 1919 una delle condizioni poste fu il dissolvimento della forze aeree. Alla Germania non era più consentito disporre di una forza aerea. Pertanto anche la Seeflieger fu disciolta e i suoi aerei distrutti.
Periodo tra le due guerre. 
Il fatto che le forze armate tedesche non disponessero più di velivoli di fatto non impedì che non si potesse più fare attività di volo. Nel 1927 la Marina fondò un aero club privato per continuare a volare. Questo club iniziò operazioni di volo sotto copertura all’inizio del 1928 supervisionate da un ufficiale della Marina di nome Lahs. Egli aveva ricevuto l’incarico di costituire un servizio di aviazione clandestino utilizzando aerei ed aeroporti civili, Questa organizzazione gettò le basi della futura Marineflieger. L’organizzazione di Lahs divenne così professionale al punto che regolarmente venivano organizzate missione di ricerca e salvataggio in mare. 
Seconda Guerra Mondiale 
All’incirca dal 1935 dopo l’elezione di Adolf Hitler le forze armate tedesche ricominciarono a mettere insieme una nuova forza aerea. Hitler assegnò ad Herman Göring il comando di questa forza. Göring voleva riunire sotto di sè il comando di tutti gli aerei militari della Germania. Perciò ordinò che tutti gli aerei civili sotto il controllo della Marina confluissero nella sua organizzazione. Nel 1939 la Marineflieger passò sotto il comando delle forze aeree. Göring andò un passo oltre nel 1941 e incorporò completamente la Marineflieger nella Luftwaffe. Da quel momento la Marineflieger cessò ufficialmente di esistere. Durante il resto della guerra gli aerei volarono molte missioni in supporto delle operazioni in mare. Questo finì con la capitolazione della Germania del 1945. 
Ricostruzione 
I primi passi verso la ricostruzione di una nuova Marineflieger furono mossi già nel 1950, solo pochi anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. A quel tempo la Guerra Fredda era già iniziata. Quando la Germania entrò a far parte della NATO nel 1955 le cose iniziarono a cambiare. La creazione di una nuova Marineflieger avvenne nel 1956. Ci volle un po’ di tempo per addestrare i piloti ed acquisire i velivoli. Il primo aereo arrivò nel 1958. La spina dorsale della Marineflieger a quel tempo consisteva in 68 Hawker Seahawks, 16 Fairey Gannets e 25 Percival Pembroke. Negli anni a seguire la Marineflieger crebbe enormemente. Nel 1962 c’erano 5 'Marinefliegergeschwaders' su 5 basi differenti.
Elicotteri e jet supersonici 
La ricostruzione dellla Marineflieger continuo con l’introduzione degli elicotteri. Il primo elicottero, denominato Seeker, fu introdotto nel 1958. Questo elicottero era particolarmente sotto potenziato e inadatto ai compiti assegnati. Perciò il Bristol Sycamore lo rimpiazzò. Il Sycamore fu il primo elicottero impiegato operativamente. Nel 1963 la Marineflieger introdusse due nuovi velivoli: Il primo fu il Sikorsky H-34 che andò ad affiancare i Sycamore. Il secondo fu il primo jet supersonico, l’F-104 Starfighter. Lo Starfighter rimpiazzò il Seahawk come aereo da attacco marittimo. Un altro importante progresso si ebbe nel 1965 con l’introduzione del Breguet Atlantic. Questo fu il primo pattugliatore marittimo a lungo raggio per la Marineflieger. 
Ulteriori ammodernamenti 
Negli anni a seguire la Marineflieger continuò ad aggiornarsi. L’introduzione dell’elicottero Seaking avvenne nel 1974 in sostituzione dei Sikorsky H-34. Nel 1981 la Marineflieger adotto il Lynx come elicottero imbarcato. Il Panavia Tornado rimpiazzò lo Starfighter nel 1982. Per complementare gli Atlantic due Dornier 228 da pattugliamento furono introdotti nel 1990. Questi velivoli sono tuttora impiegati per il controllo dell’inquinamento marino. 
21° secolo e futuro 
All’inizio del 21° secolo la Marineflieger fu sottoposta a molti cambiamenti. La flotta fu ridimensionata e al contempo modernizzata. A causa dei tagli al bilancio la marina decise nel 2005 di ritirare i Tornado dal servizio. Nel 2006 acquisì 8 P-3C Orions precedentemente impiegati dalla Marina olandese per sostituire gli Atlantic. L’ultimo Atlantic fu ritirato nel 2010 alla fine di una lunga carriera operativa: Nel futuro altri tipi con alle spalle un lungo servizio saranno radiati. La Marineflieger ha recentemente deciso di sostituire i Lynx ed i Seaking con l’NH-90. Dopo questo avvicendamento la Marineflieger sarà pronta per assolvere i suoi compiti fino al prossimo anniversario. 
 
Referenze 
Fly Navy.(unknown). Marineflieger. Retrieved October 5, 2013, from http://www.fly-navy.de/index2.html 
Losch, J. Capt. (2007). Die Geschichte der Deutschen Seeflieger. Retrieved from http://www.seeflieger.de
100th Anniversary German Navy Marineflieger photogallery
Gli autori desiderano ringraziare la Marina tedesca per aver organizzato l'evento 
Foto e testo di Sander Meijring (Naviation) 
Prodotto da Giorgio Ciarini 
Agosto 2013 
iper://Contributors.aeh|0